Emozioni e sorrisi in Pediatria con i calciatori

NOVARA – Emozioni e sorprese nel pomeriggio di ieri, 13 dicembre, per i piccoli degenti del reparto di Pediatria dell’Aou Maggiore e per i loro familiari.
A far loro visita, insieme ai volontari dell’Associazione Abio Novara  i giocatori e lo staff del Novara Calcio, nel segno una tradizione consolidata che si ripete ormai da diversi anni. A dare il benvenuto è stato il primario di Pediatria, professor Luigi Maiuri: «La vostra presenza regala un sorriso, che è il dono più importante – ha detto il professor Maiuri accogliendo la truppa azzurra -  E’ un’emozione per tutti vedere in carne ed ossa i volti di giocatori ritratti sulle figurine».
Il primario emerito Gianni Bona, precedessore del professor Maiuri e tra gli “iniziatori” delle visite del Novara Calcio in Pediatria ha aggiunto: «Negli anni cambiano i giocatori e gli allenatori, ma resta la disponibilità della società a compiere questo gesto. Inoltre, passando di qui verso la fine dell’anno solare, di solito le cose vanno poi bene anche in campo».
Il commissario dell’Aou Maggiore, Mario Minola, dal canto suo si è rivolto a calciatori, tecnici e componenti dello staff del Novara Calcio osservando: «E’ molto importante che troviate il tempo per farci sentire la vostra vicinanza portando forza ed entusiasmo».
Prima di passare nelle camere dei piccoli degenti, a cui i giocatori azzurri hanno regalato un gagliardetto del Novara Calcio ed i pacchi dono messi a disposizione e predisposti da Abio, capitan Casarini ha consegnato un’offerta a nome della squadra al primario di Pediatria, che l’ha subito girata alla presidente di Abio Antonella Brianza: «Al centro dell’evento ci sono i bambini ricoverati, oggi (ieri per chi legge, ndr) 12, e le loro famiglie – ha concluso Brianza – Abio si prodiga per il benessere di queste persone con i suoi volontari, attualmente 44. L’ambiente del reparto di Pediatria si presenta nuovo, ristrutturato e con pareti decorate grazie ad interventi finanziati con donazioni come questa».
Filippo Bezio

Condividi questo articolo