Torna al Coccia il concerto benefico “Rock For Life”

NOVARA – Si terrà alle 21 del 30 gennaio al teatro Cocciala nuova edizione del concerto benefico “Rock For Life”, quest’anno dal titolo “The Chauffeur reunion”, organizzato dalla onlus ForLife presieduta dal professor Alessandro Carriero. L’evento è stato presentato questa mattina in Comune, che ha dato il patrocinio: l’organizzazione è curata da Francesco Farina, Flavio Pavia e Marcello Selvaggio di “Rock For Life”, che parteciperanno alla serata. Il ricavato dal concerto sarà destinato a supportare il progetto “ForLife For Children”.  Protagonista della serata sarà The Chauffeur, gruppo formato da Marco Bozzola (voce) e Pino Omodei Salé (tastiere e sintetizzatori), che animavano la scena novarese insieme a molti giovani musicisti locali negli anni Ottanta-Novanta. ”La band – spiegano gli organizzatori – si è esibita numerose volte nei teatri della città e in molte altre località del Nord Italia. Proponeva al pubblico cover di brani famosi insieme a proprie canzoni. Ha vinto concorsi per band emergenti, arrivando a esibirsi in concerti importanti come al Teatro Manzoni di Milano, da cui è scaturito l’incontro con Mario Luzzato Fegiz e le pubblicazioni sui media di allora. Vicina a Mario Lavezzi, dal quale ha sempre avuto importanti suggerimenti, la band ha in seguito collaborato con Leonardo Schiavone degli Accademia, una famosa band di quegli anni. Sull’onda di una rinnovata vivacità della scena musicale novarese, rilanciata da Rock for Life come opportunità concreta di promuovere la solidarietà e l’impegno sociale attraverso la musica, The Chauffeur, a trent’anni dal loro scioglimento, tornano sul prestigioso palco del più importante teatro cittadino, dopo molti mesi di preparazione, per offrire in una grande serata di solidarietà, un repertorio dei più bei brani dell’epoca con una band di altri sette musicisti novaresi di provata professionalità”. Gli Chauffeur in particolare proporranno al teatro Coccia proprio quegli artisti (Duran Duran, U2, Bruce Springsteen, George Micheal, Spandau Ballet, Simple Minds, David Bowie) che negli anni Ottanta animarono il più grande evento benefico mai realizzato, il “Live AID”, “che tante analogie ha con l’evento novarese “Rock For Life””. ”Da parte dell’Amministrazione non ci può che essere il pieno appoggio nei confronti di questo genere di iniziative – ha detto il sindaco Alessandro Canelli – iniziative che hanno consentito di sostenere numerosi progetti di carattere sociale in aiuto di diverse persone. E spesso la musica è stata un veicolo ottimale per catalizzare l’interesse del pubblico novarese”.

Condividi questo articolo